Il castello di Egmond in prosperità, dipinto da Gillis de Saen. De Saen ha realizzato il dipinto subito dopo la distruzione di 1573. Dà un'immagine relativamente affidabile di come appariva il castello, anche se ci sono alcuni aspetti che non vanno bene. Ad esempio, le finestre del mastio sono raffigurate troppo grandi. Il dipinto è stato appeso da allora 1968 nella città belga di Zottegem, da dove Lamoral I da 1566 visse ed è sepolto.

 

La ricostruzione del Castello

Comité era entrato 1991 piani seri

Fonte: Quotidiano della Riforma di 4 aprile 1991

 

Impossibile! Questa è la prima cosa che ti viene in mente quando vedi le fondamenta del castello di Egmond aan den Hoef. Impossibile trovare un monumento del genere, di cui non esistono più piani di costruzione precisi!- ricostruire da zero nel nostro tempo. Eppure è considerato molto seriamente. Non per fantasia, ma da uomini famosi. L'Egmonditis ha illuminato molti residenti della bellissima comunità residenziale dietro la bianca cima delle dune. Sindaco E. J. Brommet ammette con tutto il cuore di essere stato una delle prime vittime e da allora ha fatto di tutto per diffondere la "malattia" il più ampiamente possibile...

È distribuito ingiustamente nel nostro paese. Alcuni villaggi non hanno nulla da offrire ai visitatori e altri sembrano avere tutto. Egmond è con lei 11.000 residenti tale villaggio dall'ultima categoria. Le tre zone residenziali, Egmond aan den Hoef, Egmond-Dentro e Egmond aan Zee, insieme abbiamo praticamente tutto ciò che un turista viziato potrebbe richiedere. Edifici pittoreschi, strade accoglienti, vaste riserve naturali, la spiaggia, mare e una storia che gli innamorati ameranno.

Ma proprio quella storia è rimasta alquanto sconosciuta a causa di tutta la violenza turistica che ha invaso questo borgo. Di solito non si cerca la storia in una località balneare alla moda. Gli amanti della storia possono visitare città come Amsterdam e L'Aia. E quando parli di castelli, poi nomi spumeggiante come Loevestein, Muiderslot e Haarzuilens salgono automaticamente. Non devi andare a Egmond per quello?

Beethoven
Comunque. All'interno dei suoi confini, Egmond aan den Hoef ha le fondamenta della —probabilmente— la più grande fortezza fortificata che i Paesi Bassi abbiano mai conosciuto.: il castello di Egmond, noto anche da alcuni come Lock on (di: su) den Hoef. Nei suoi giorni di gloria una fortezza di tre dimensioni- un quattro volte il Muiderslot!

La famosa famiglia Van Egmond visse in questo castello per secoli. Una famiglia che ha contribuito a gettare le basi della Repubblica dei Paesi Bassi Uniti. Ogni bambino ha sentito a scuola la storia della decapitazione del conte Lamoraal van Egmond sul patibolo a Bruxelles e di come lui e Hoorne furono derubati della sua vita lì perché lui, nonostante fosse un cattolico romano, non si sarebbe comportato abbastanza lealmente. nei confronti del governo spagnolo. Secoli dopo, anche il grande Beethoven fu ispirato da questo orribile evento per scrivere la sua famosa ouverture "Egmond"..

Proprio dove affonda le radici la storia illustre, c'è poco di quella storia rimasta da vedere. Nell'ambito di un progetto di occupazione, in 1933-1934 innalzò al suolo le fondamenta dell'antico castello e riportò il fossato al suo antico splendore, ma non sarà una vera attrazione. Gli stessi Egmonders pensano che sia meglio che il fossato possa essere utilizzato come pista di pattinaggio in inverno.

Persone che hanno usato la parola ricostruzione, sembrava un po' pietoso. Bastava un semplice gesto del pollice e dell'indice per stroncare sul nascere ogni iniziativa. Fino a qualche tempo…

Storia
La storia della Slot van Egmond è già iniziata 922, quando il re di Lorena prestò un certo Diederik con la contea d'Olanda. Questo Diederik fondò un monastero di legno vicino all'attuale Egmond, che fu presto sostituito da un edificio in pietra, che in seguito divenne la famosissima Abbazia di Egmond.

Perché neanche i monaci possono vivere senza pane, si sono forniti di ogni tipo di sostentamento. Tuttavia, questi possedimenti crebbero presto di dimensioni a tal punto che uno degli abati nominò amministratori per assisterlo nell'amministrazione dei beni terreni. Uno degli amministratori, un certo Berwout, l'abate apparentemente aveva svolto un servizio così buono da essere nominato amministratore a vita e gli furono dati una fattoria e sei case in prestito.

Secondo le cronache, il figlio di Berwout ha completato. Dodo van Egmond, in 1170 il Castello sullo Zoccolo, che diede inizio a un periodo di contese senza fine tra i monaci e gli abitanti del castello. Il castello è stato più volte distrutto da un incendio nel corso degli anni, ma ogni volta veniva ricostruito come fronte contro i Frisoni occidentali.

In 1473 il guardiano del castello di Egmond fu nominato stadtholder di Gelderland e in 1486 gli fu assegnata anche la carica di stadtholder d'Olanda. Niente e nessuno sembrava essere più in grado di fermare l'ascesa di Egmond e dei suoi abitanti.

Geuzen
Tuttavia, la fama e il potere hanno avuto una brusca fine quando sono entrati 1568 l'influente Lamoraal van Egmond fu decapitato sul patibolo di Bruxelles. I suoi beni furono confiscati e il bellissimo castello cadde in rovina.

Su 7 Giugno 1578 lascia il caposquadra dei mendicanti, Sonoy, dare fuoco alla serratura. I mendicanti volevano privare gli spagnoli di ogni possibile punto di appoggio sulla terra. In 1607 la contea di Egmond passò nelle mani degli Stati d'Olanda. In 1798 tutto ciò che restava del castello fu venduto al personale addetto alla demolizione. Rimase solo il campanile. Perché non c'erano più soldi per la manutenzione, Tuttavia, anche questa parte dell'antico castello cadde rapidamente preda della frenesia del tempo.

In 1836 quasi tutto è stato ripulito. Ne è testimonianza solo una parte della cinta muraria del campanile, come un pezzo di storia consolidata, fino ad oggi da tutto ciò che è accaduto in questo luogo.

E adesso, in 1991, c'è all'improvviso un comitato che lancia seri piani per far risorgere il vecchio castello. E questo è principalmente il lavoro dell'artista - originariamente Amsterdam - Bob Denneboom, 81 anni e residente a Egmond da diversi anni. Un giorno camminò nei pressi delle rovine del castello e divenne sempre più infastidito dalle fondamenta morte che vi giacevano tranquille.. "Mi chiedevo perché buttiamo via miliardi di fiorini ogni anno su ogni genere di cose senza senso e perché non ci sarebbero soldi per ricostruire qualcosa di bello come questo castello", così racconta.

"E perché sono abbastanza piacevolmente disturbato", Ho deciso di visitare il sindaco Brommet per parlargli di questo caso. Sono andato da lui con la ferma convinzione che i sindaci siano persone serie che si pongono molte domande serie. Ma con mia grande sorpresa, quelle domande non sono arrivate. Anzi: Brommet era estremamente entusiasta”.

brommet: "E, giusto. Ci avevo già pensato molto io stesso e quando Denneboom aveva detto la sua, Non ho potuto fare a meno di ammettere che avevo già dei piani io stesso. Abbiamo quindi fatto una chiacchierata e questo ha portato alla decisione di tenere un incontro in cui avremmo abbandonato l'idea. Che è successo, c'erano tali 30 persone insieme e in generale i piani sono stati accolti molto positivamente. Un certo numero di persone ha quindi istituito un comitato per indagare ulteriormente sulle possibilità di ricostruzione. Io stesso mi sono dichiarato pronto ad assumere la presidenza di quel comitato a titolo personale”..

Pino: "Quindi non ci sono davvero tutte le persone come me". Vuoi ja, che un artista va in giro con tali progetti, le persone possono capirlo. Ma se partecipa anche il sindaco… E cosa ne pensa, ad esempio, di un direttore di banca? È qualcuno che sa pensare agli affari? Bene ed è dentro anche lui! Terribilmente eccitato! Stiamo davvero aspettando solo una cosa ed è il permesso del consiglio comunale per poter continuare”..

Il sindaco Brommet ammette che la decisione del consiglio è tutto. "Se il consiglio comunale non vuole collaborare ai piani", smettiamola. Perché allora non possiamo fare niente, perché il terreno è di proprietà del comune. Ovviamente, come consiglio, non decidi qualcosa di così drastico in un pomeriggio. Perché un progetto del genere ha enormi conseguenze per Egmond. Basti pensare alle conseguenze dell'aumento del numero di turisti. Il nostro villaggio può gestirlo?? Tutte cose che devi considerare con attenzione”.

Tuttavia, egli stesso non dubita dell'esito di tale valutazione. “È tecnicamente fattibile”., anche se ammetto che non so molto di tutte queste cose. Tutti gli esperti devono essere reclutati che esamineranno le varie parti del piano. E questo costa denaro e semplicemente non lo abbiamo. Stiamo già ricevendo diverse domande da persone che vogliono diventare donatori, ma stiamo trattenendo perché prima vogliamo sapere cosa ne pensa il consiglio.

Per quanto riguarda l'utilità: Sicuramente penso che un progetto del genere sarà un grande stimolo per l'industria turistica di Egmond. In caso di maltempo, le persone hanno un'ottima alternativa al mare e alla spiaggia. E ai gitanti di un giorno può anche essere offerta una "giornata fuori" davvero completa con una tale attrazione all'interno dei confini. Abbastanza buono per il nostro villaggio, dove 45 per cento dell'economia ruota intorno al turismo”.

35 milioni
E poi ci sono i soldi. Calcoli molto approssimativi da parte del comitato arrivano a un costo di circa 30 a 35 milioni di fiorini, "Forse un milione di preoccupazioni", disse un ottimista Pino, „ma cos'è un milione in più o in meno? In 35 milioni non sono niente per un'acrobazia del genere se guardi da vicino?! Ci sono così tanti fondi che possono essere indirizzati, da profano non lo sai!"

Brommet vede anche opportunità per riunire milioni di persone. “Vorrei anche sottolineare ancora una volta che non è intenzione che il comune di Egmond investirà grandi somme di denaro in un progetto del genere.. Ciò potrebbe comportare un aumento dell'onere e non è nostra intenzione.

Preferiamo ottenere i soldi dai sussidi, donazioni e incoraggiando una visita al progetto di ricostruzione —a pagamento—. Più o meno allo stesso modo della costruzione della nave VOC "de Batavia" vicino a Lelystad.

Inoltre, la ricostruzione della serratura può essere utilizzata come una sorta di allenamento- e creare un progetto di occupazione. Ciò riduce i costi e un tale progetto può far rivivere o dare vita all'esperienza della costruzione di castelli e di tutte le attività artigianali associate"..

Casa reale
Il consiglio comunale di Egmond dovrebbe dare il via libera, Il consiglio comunale di Egmond dovrebbe dare il via libera, Il consiglio comunale di Egmond dovrebbe dare il via libera. L'attuale Comitato per la Ricostruzione preferirebbe uno dei membri della Casa Reale (anche)diventa presidente di tale gruppo di raccomandazione. Questo per sottolineare i legami che esistevano tra la nostra famiglia reale e la famiglia Egmond.

Perché governare è lungimiranza, anche i membri del comitato di ricostruzione hanno riflettuto intensamente sullo sfruttamento del castello, quando sarà ricostruito. brommet: „Stiamo pensando a una combinazione di attività storico-culturali e commerciali. Il consiglio comunale di Egmond dovrebbe dare il via libera, Il consiglio comunale di Egmond dovrebbe dare il via libera, Il consiglio comunale di Egmond dovrebbe dare il via libera, Il consiglio comunale di Egmond dovrebbe dare il via libera. Inoltre, il nostro pensiero va alle attività culturali e commerciali, come un hotel esclusivo, opzioni di ristorazione, possibilità di conferenze e persino affitto di alcune sale a grandi aziende.

Abbiamo un buon esempio al riguardo. La cappella del castello che sorge vicino alle fondamenta del castello, funziona quasi senza donazioni da anni. Vi offriamo l'opportunità di sposarci sia ecclesiastici che civili e poi cenare in un'atmosfera medievale. L'interesse è enorme!"

Castello nell'aria
Anche se i commenti scettici sono ovviamente ben accetti, Denneboom si rifiuta di parlare di un castello nell'aria. "Lo sono ora 81 anno, ma spero davvero di sperimentare la ricostruzione. Se vedi quante chiamate entusiaste ricevo negli ultimi giorni. Anche da professionisti!"

Tuttavia, lo storico dilettante di Egmond Jan Lute non si aspetta che un progetto così ampio venga completato in breve tempo.. „Devi essere realistico, e poi vedi che ci sono voluti secoli per sviluppare completamente un castello del genere. Ecco perché non me lo aspetto, quindi i piani vanno avanti, questo sarà organizzato tra qualche anno. Non è possibile. Non devi farne un lavoro urgente. Potrebbero volerci una o più generazioni”..

Brommet è d'accordo. “In passato, il progetto di ricostruzione del castello è stato spesso respinto per mancanza di soldi per ricostruire l'intera proprietà.. Nuovo, siamo già soddisfatti di una prima fase. Se solo ci fosse di nuovo un pezzo, poi verrà il resto!"

Pino: "Posso capire che vogliono rallentarmi un po'". Sono ancora giovani, dopotutto, ma voglio ancora sperimentarlo ed è per questo, ho fretta?. La storia ha anche dimostrato che a volte bisogna spingere un po' per far decollare certe cose…”.