Biancaneve in rifugio a Ecomare. © Foto d'archivio René Pop

IL KOOG

De albinozeehond Biancaneve, che è stato ricevuto a Ecomare e rilasciato nuovamente a gennaio con un trasmettitore nel mare di Wadden, la stazione è persa.

Completamente secondo i piani, poiché il dispositivo era incollato al pelo del giovane animale ed era noto durante lo spargimento, a volte tra maggio e agosto, lascerebbe andare. Nel frattempo, ha raccolto una grande quantità di dati per la ricercatrice di Texel Sophie Brasseur di Wageningen Marine Research. L'ultimo segnale risale alla fine di giugno.

Da malato a super in forma

La giovane foca è stata trovata mortalmente malata sul Texel Waddendijk nell'ottobre dello scorso anno. Aveva una grave infezione da vermi polmonari ed era sottopeso, diversi tagli e sembrava che fosse cieco. Mariëtte Smit, responsabile della cura degli animali presso Ecomare, All'epoca non sapeva se Biancaneve ce l'avrebbe fatta e dubitava che sarebbe mai stato in grado di tornare nel mare di Wadden.

Ma Biancaneve si riprese rapidamente e dopo un po 'si scoprì che l'albino con i suoi luminosi occhi rosa poteva vedere qualcosa. Quando è salito 15 Gennaio è stato rilasciato in mare, i dati di misurazione hanno immediatamente mostrato che era super in forma. Ha immediatamente nuotato intorno all'isola, si immergeva fino a una profondità di 13 metri e mezzo ed era molto attivo anche di notte.

A IJmuiden

All'inizio, la foca non aveva un'area fissa di foraggiamento o un posto di ormeggio. Inizialmente ha nuotato attraverso l'intera zona costiera ed è stato regolarmente visto lungo la costa dell'Olanda settentrionale, fino a IJmuiden. Alla fine del periodo di trasmissione, il suo comportamento di nuoto ha avuto uno schema più chiaro, ma non è ancora certo se Biancaneve abbia davvero trovato il suo posto.

 

I percorsi che ha preso Biancaneve 15 Gennaio e 29 Giugno. © Ecomare Snow White è stata la prima foca a ricevere un trasmettitore al suo ritorno in mare. I ricercatori vogliono scoprire come le giovani foche conoscono il loro ambiente. Giovani animali dal rifugio, che hanno poca esperienza in natura, può aiutare a capire come le foche si adattano al loro ambiente. È importante che i rifugi sappiano come stanno le foche che si sono riprese da un'infezione da vermi polmonari.. Da questo possono vedere se il loro lavoro è utile a lungo termine. Nel caso di Biancaneve, Ecomare può stare tranquillo.

Chi trova il canale, è richiesto di segnalarlo. Le informazioni del mittente si trovano sulla macchina.

fonte: NHD